http://www.nextprato.it/admin/wp-content/uploads/2019/04/Slide-Programma28-e1555945394708.jpg

Punti Del Tema

EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITÁ

Vogliamo l’educazione all’affettività nelle scuole! Siamo convinti che non basti insegnare a bambini e ragazzi la sessualità dal punto di vista anatomico durante l’ora di scienze. A nostro avviso è necessario che le classi siano seguite da sessuologi e psicoterapeuti in percorsi differenziati in base all’età dove si tocchino temi legati al rapporto con l’altro e con se stesso, parlando in termini adeguati di salute mentale, inclusione e comportamenti molesti ed abusivi. Nei licei, queste tematiche dovrebbero essere affrontati attraverso lo strumento della peer education, di modo da rendere più semplice il dialogo.

EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITÁ

Vogliamo l’educazione all’affettività nelle scuole! Siamo convinti che non basti insegnare a bambini e ragazzi la sessualità dal punto di vista anatomico durante l’ora di scienze. A nostro avviso è necessario che le classi siano seguite da sessuologi e psicoterapeuti in percorsi differenziati in base all’età dove si tocchino temi legati al rapporto con l’altro e con se stesso, parlando in termini adeguati di salute mentale, inclusione e comportamenti molesti ed abusivi. Nei licei, queste tematiche dovrebbero essere affrontati attraverso lo strumento della peer education, di modo da rendere più semplice il dialogo.

REVENGE PORN

Siamo convinti che debba essere presa una posizione netta contro il fenomeno del revenge porn, che negli ultimi anni ha colpito anche adolescenti pratesi. Per facilitare la denuncia del reato e bloccare in tempo la diffusione non consensuale del materiale privato, pensiamo che debba essere costruita una piattaforma online collegata con gli enti di polizia postale dove le vittime possano far partire una denuncia anonima, senza dover parlare con professori o genitori.

REVENGE PORN

Siamo convinti che debba essere presa una posizione netta contro il fenomeno del revenge porn, che negli ultimi anni ha colpito anche adolescenti pratesi. Per facilitare la denuncia del reato e bloccare in tempo la diffusione non consensuale del materiale privato, pensiamo che debba essere costruita una piattaforma online collegata con gli enti di polizia postale dove le vittime possano far partire una denuncia anonima, senza dover parlare con professori o genitori.

COMBATTERE I DISTURBI ALIMENTARI

Prendendo in esame il fenomeno dei disturbi alimentari, la cui diffusione è aumentata drammaticamente negli ultimi anni, pensiamo che anche Prato si debba dotare di una struttura in grado di ospitare le persone che intraprendono un percorso di guarigione. Infatti, in altre città della Toscana sono presenti case che forniscono alternative al ricovero ospedaliero e permettono di vivere insieme a coetanee – i disturbi alimentari colpiscono infatti prevalentemente adolescenti donne – oltre a permettere alla famiglia di visitare con più frequenza.

COMBATTERE I DISTURBI ALIMENTARI

Prendendo in esame il fenomeno dei disturbi alimentari, la cui diffusione è aumentata drammaticamente negli ultimi anni, pensiamo che anche Prato si debba dotare di una struttura in grado di ospitare le persone che intraprendono un percorso di guarigione. Infatti, in altre città della Toscana sono presenti case che forniscono alternative al ricovero ospedaliero e permettono di vivere insieme a coetanee – i disturbi alimentari colpiscono infatti prevalentemente adolescenti donne – oltre a permettere alla famiglia di visitare con più frequenza.

CONTRACCEZIONE GRATUITA

Tra i vari strumenti necessari per fermare la diffusione delle malattie a trasmissione sessuale vi è quello di incentivare l’uso dei contraccettivi rendendoli gratuiti per gli adolescenti, come stipulato dal progetto Sarà Sicura. Dal momento che vi sono ancora diversi tabù relativi alle varie forme di contraccezione, specialmente quella di emergenza, pensiamo che sarebbe opportuno fornire ai farmacisti una formazione per trattare con gli adolescenti in merito a questi temi; queste figure dovrebbero essere in grado di guidare i ragazzi nella scelta del contraccettivo adeguato ed orientarli, nelle situazioni di emergenza, verso gli enti adeguati – come i consultori.

CONTRACCEZIONE GRATUITA

Tra i vari strumenti necessari per fermare la diffusione delle malattie a trasmissione sessuale vi è quello di incentivare l’uso dei contraccettivi rendendoli gratuiti per gli adolescenti, come stipulato dal progetto Sarà Sicura. Dal momento che vi sono ancora diversi tabù relativi alle varie forme di contraccezione, specialmente quella di emergenza, pensiamo che sarebbe opportuno fornire ai farmacisti una formazione per trattare con gli adolescenti in merito a questi temi; queste figure dovrebbero essere in grado di guidare i ragazzi nella scelta del contraccettivo adeguato ed orientarli, nelle situazioni di emergenza, verso gli enti adeguati – come i consultori.